Dubbi e polemiche sulla società albanese di Agsm-Aim

Cosa sta succedendo in Albania? Il tema della presenza di Agsm-Aim e dell’Amia al di là dell’Adriatico è stato riproposto nei giorni scorsi, nel corso della visita a Verona del sindaco di Tirana, Erion Veliaj. In quella occasione il sindaco, Federico Sboarina, aveva dato notizia dell’avvenuta messa in liquidazione di Agsm holding Albania, sottolineando la relativa «diminuzione dei costi», ma aveva aggiunto che, invece, è stata «tenuta e potenziata la società Eco Tirana che nel promettente mercato albanese sta raddoppiando i fatturati». Proprio a proposito di Eco Tirana si era parlato più volte e a lungo di trattative per una sua cessione agli spagnoli di Urbaser, colosso del settore ambientale a lungo guidato dal presidente del Real Madrid, Florentino Perez. Quella trattativa, secondo fonti attendibili, si sarebbe arenata per una intricata questione di norme statutarie e di diritti di prelazione da parte dei soci albanesi. Ma Michele Bertucco (Sinistra in Comune) ricorda che «il Piano di razionalizzazione 2020 per le partecipate comunali prevedeva una risposta positiva alla manifestazione di interesse avanzata dalla spagnola Urbaser per l’acquisto del 49 per cento di Eco Tirana Sh.A detenute dalla Holding Agsm Albania». Bertucco aggiunge che proprio quel Piano «che è tuttora in vigore, parla chiaramente di dismissione delle partecipate albanesi, mentre – prosegue – ora veniamo a sapere che ci sarebbe un rafforzamento della missione albanese con relativo presunto aumento di capitale». Stasera in consiglio comunale, Bertucco porrà quindi al sindaco Sboarina una raffica di domande sul tema. Fino al 2016 il servizio di nettezza urbana di Tirana era affidato ai privati. Proprio il sindaco Veliaj fu tra i principali promotori della partnership economica tra la capitale albanese e la città di Verona.

FONTE: Corriere di Verona del 30 Settembre 2021

LEGGI NOTIZIA: https://ift.tt/3D3LTkj